domenica 1 maggio 2011

C'era una volta... le mie prime uova di Pasqua


Mi sembra quasiche sia passato un mese, invece, solo sette giorni fa festeggiavameno la Pasqua. Lo so, sono un pò in ritardo, come al solito, ma permettetemi di raccontarvi questa storia ;)



C'era una volta un paese lontano lontano, chiamato il Giardino delle uova, dove in primavera, fiorivano tantissime uova di cioccolata.
La fata pasticcera, ogni anno, aspettava con ansia l'equinozio di Primavera per poter indossare il suo grembiulino e, mestoli e cucchiai alla mano, iniziare a preparare la magica pozione che faceva fiorire le uova.
Il processo richiedeva tanta attenzione e la fata pasticcera, in realtà un po' pasticciona, aveva bisogno di tutta la sua concentrazione per poter eseguire, anno dopo anno, il procedimento nel modo giusto.
Innanzitutto si muniva di un grande pentolone con dell'acqua che metteva a scaldare sul fuoco. In un pentolino più piccolo poneva l'ingrediente fondamentale: cioccolato fondente puro, che lasciava sciogliere lentamente a bagnomaria, facendo bene attenzione che il pentolino non venisse a contatto con l'acqua e che questa non bollisse. Si muniva di uno starno strumento chiamato termometro col quale verificava la temperatura raggiunta, via via, dal cioccolato sciolto. Appena raggiungeva i 50°, infatti lo toglieva prontamente dal fuoco, immergendo il pentolino in una grossa ciotola piena di acqua fredda. Non appena la temperatura del cioccolato calava sino a 28° rimetteva il pentolino sul fuoco, portando il cioccolato a 32°.




Sul tavolo, aveva già preparato lo stampo per le uova, ben pulito e asciutto e prontamente iniziava a versarvi alcune cucchiaiate di cioccolato, facendo poi ruotare delicatamente lo stampo, al fine di rivestirlo uniformemente di cioccolato. Quindi metteva a raffreddare mezz'ora in frigorifero.



Tirato fuori lo stampo, otteneva delle lucidissime uova di cioccolato, che riempiva con allegre sorprese per i bambini che fossero andati a far visita agli abitanti del Giardino delle uova.




Al Giardino delle uova potevano arrivare solo i bambini più buoni, che dopo giorni di cammino, attraverso foreste popolate da coniglietti di cioccolata e agnellini di pasta di mandorle, giungevano in una radura abitata dai guardiani del Giardino delle uova, una tenera e dolce famiglia di uova ricoperte di narcisi, bucaneve e profumati mughetti, le prime a fiorire non appena le nevi si scioglievano! Il loro inebriante profumo annunciava a grande distanza che si era prossimi alla meta.







Arrivati alla radura si era certi di essere ormai giunti al Giardino delle uova... un paradiso in cui l'aroma della cioccolata più pura si confondeva col profumo dolce delle rose, le principesse del Giardino delle uova!



Era un posto tranquillo, in cui la vita seguiva il corso delle stagioni e in cui le uova vivevano in piena armonia, circondate da delicate farfalle che si posavano sui fiori più belli del Giardino.



Ma un brutto giorno, non si sa bene ancora come, piombarono nel tranquillo Giardino delle uova, due malvagie pecore nere, affamate di tutto ciò in cui scorresse linfa e cioccolata.



Le povere uova provarono a resistere, ma non erano certo abituate a fronteggiare simili pericoli, così le malvagie pecore riuscirono a catturarle tutte quante e a divorarle in un sol boccone con ingordigia.



Le pecore nere divennero grosse e panciute per tutto quel gran banchetto!



Ma, siccome nel Giardino delle uova non c'è storia senza lieto fine, la loro pancia divenne così grande che ben presto scoppiò!
Delle pecore non c'era più nessuna traccia, ma lo scoppio aveva disperso tutti i semi dei fiori e così l'anno seguente, fiorirono tantissime uova coperte da splendide rose e delicati fiorellini, e le farfalle tornarono a posarsi sui loro boccioli… e i bambini tornarono a gustare le loro uova fiorite!



























Con questo post partecipo al contest di AlCioccolato, tramite il blog Dolciagogò








16 commenti:

  1. Complimenti sei stata bravissima!!!! Le tue uova sono stupende.Baciotti

    RispondiElimina
  2. Sono stupende come tutto quello che fai!
    In bocca al lupo per il contest!
    Noi lo sai che facciamo il tifo per te!
    un bacione
    PS
    inizio a fare il bambino buono così l'anno prossimo riuscirò a conquistare un uovo del giardino delle uova

    RispondiElimina
  3. bravissima, come sempre!!! Dessi

    RispondiElimina
  4. Sono rimasta davvero senza parole...bellissime e tu bravissima!

    RispondiElimina
  5. la storia è bellissima, mi ha tenuta incollata come fossi una bambina! Le uova meravigliose..l'anno scorso le avevo fatte anch'io, ma il risultato era decisamente più brutto di questo :( però adesso che so della temeratura della cioccolata e ho un pò di pasta di zucchero quasi quasi mi segno tutto e l'anno prossimo provo anch'io un Giarduno dei fiori!!
    Complimenti, davveor belle e chissà quanto saranno state buone!tifo per te!

    RispondiElimina
  6. eh vabbeh e allora ditelooo...sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  7. Dal cell non riuscivo a commentare l'altra sera... Come da SMS mi hai davvero lasciato senza parole! ICAB per il contest!

    RispondiElimina
  8. manine d'oro! Solo questo si può dire.
    Un cioccolato lucente che sembra quasi finto! Decorazioni spettacolari! Le pecorelle per i bimbi sono tenerissime.
    Davvero piccole opere d'arte ... ma, si c'e' un ma... me lo devi fare di umile cioccolato al latte:D!

    RispondiElimina
  9. sono meravigliose...sono incantata davanti allo schermo...BRAVISSIMAAAA.
    un abbraccio
    chiara

    RispondiElimina
  10. Ma sono delle opere d'arte!
    meravigliose!!!
    donata

    RispondiElimina
  11. Devo farti i miei complimenti, è da un pò che ti seguo, anche se non ti ho mai scritto. Ho provato, tra l'altro, la tua ricetta di cupcakes con un ottimo risultato :) riuscito anche perchè non avevo la bilancia e con la misura in "cup" è stato facilissimo!!! Questa volta però hai superato te stessa, una "cantastorie" come me non poteva non rimanere rapita dalla tua favola resa ancora più dolce dalle foto che l'hanno accompagnata! :) ciaooo e alla prossima...

    Michela
    www.cartaecolori.it

    RispondiElimina
  12. complimenti per la vittoria, meritatissima

    RispondiElimina
  13. scopro il tuo blog perchè ho letto che con queste meravigliose (anche se è un termine un po'riduttivo...) uova hai vinto il contest di docliagogò! complimenti!!!!
    poi ho anche letto che ti basta qualcosa di docle per sorridere e mi ci ritrovo molto! quindi da oggi hai una follower in più!!!ancora complimenti!!!

    RispondiElimina
  14. Complimenti per la meritata vincita! Ciao

    RispondiElimina
  15. Non ci credo :D Ragazze, grazie a tutte per i vostri commenti, a chi a sempre delle parole dolci per me e a chi si è affacciata per la prima volta!
    @Gilda: un bvacio grande a te :-*
    @Marc: ti sarebbe bastato prendere un aereo per avere un uovo tutto per te ;p così impari a non venire giù più spesso!!!
    @Dessi: dolcissima come sempre ;)
    @Serena: grazieeeeeeeeeeeee!
    @Jessica: prova, prova, sono sicura che produrrai un bellissimo giardino ;)
    @Irene: :-*
    @Vale e Chia: ma a voi ch vi rispondo a fa'? tanti orsetti abbracciosi alle mie amichette
    @Chiara: grazie, un abbraccio anche a te!
    @Donata: grazie!!!
    @Michela: ;)
    @Antonella, Glo83, Sar@: benvenute e grazie infinite per i vostri complimenti, mi avete fatto arrossire!!!

    RispondiElimina